PRODOTTI  | Informazioni  | Sistemi di rotazione
 
Su boccole in nylon autolubrificante

L’organo di scorrimento più semplice è la boccola: economica e robusta, è impiegata per supporti istituzionali e per quei carrelli che hanno bassa velocità di movimentazione ed utilizzo ridotto.
L’impiego delle boccole dipende dal materiale usato per ruote e corpi; se questi ultimi sono in poliammide, polipropilene o ghisa, tali organi di scorrimento non sono adoperati, avendo i prodotti prima nominati buone qualità di scorrevolezza.
Fra le sostanze più adatte per la produzione delle boccole troviamo il nylon, particolarmente efficace con ruote di gomma e corpi in lamiera.
Normalmente le boccole non richiedono, a meno di particolari condizioni di utilizzo (ad esempio una forte concentrazione di polvere nell’aria), specifiche manutenzioni, inoltre sono resistenti alla corrosione.
L’uso improprio delle boccole può provocarne il surriscaldamento; ciò avviene in caso di velocità di movimentazione eccessiva o carichi troppo pesanti.
 

 
Su gabbia a rulli

La gabbia a rulli, in virtù della sua praticità e resistenza, è spesso utilizzata nei supporti dei carrelli. La sua forma la rende adatta alle applicazioni in cui lo spazio è limitato.
In genere la gabbia a rulli non ha bisogno di manutenzione, poiché è lubrificata con grasso a lunga durata al momento dell’assemblaggio.
La struttura della gabbia a rulli, disponibile anche in acciaio inox, è composta da una gabbia di materiale plastico o metallico, all’interno della quale vengono inseriti dei rulli cilindrici in acciaio che ruotano tra il tubo dell'assale ed il mozzo della ruota.
Il movimento di una simile struttura provoca durante la rotazione un attrito volvente, che comporta una minor forza di spinta della ruota rispetto all’attrito radente: sarà così possibile movimentare anche carichi molto pesanti.
 

 
Su cuscinetti a sfere

In caso di esigenze di alta scorrevolezza, anche ad elevate velocità, e di resistenza a grandi carichi in ogni condizione ambientale, l’organo di scorrimento più impiegato è il cuscinetto a sfere a fila singola (o cuscinetto a sfere di precisione). I corpi volventi sono rappresentati da sfere temperate che, inserite
in una gabbia apposita, scorrono tra due anelli, uno esterno ed uno interno: come protezione contro il pulviscolo viene aggiunto un anello esterno (guarnizione senza contatti di tipo Z). A questa struttura possono essere uniti, in caso di particolari esigenze, uno o due anelli di tenuta (guarnizione senza contatti, cuscinetti del tipo RS o 2RS). I cuscinetti a sfere sono disponibili anche in acciaio inox; entrambe le versioni non richiedono particolari manutenzioni: infatti, in fase di montaggio le parti vengono ingrassate con lubrificante di lunga durata. Esiste un ulteriore modello di organo di scorrimento: il cuscinetto a sfera conico. Utilizzato per lo più per i supporti istituzionali, dispone di corpi volventi formati da sfere che, introdotte in una gabbia, scorrono
tra parti di cuscinetto coniche; tutta la struttura è temperata e, come negli altri casi, è ingrassata al momento del montaggio.
Industria
Arredamento
Prodotti speciali
Informazioni
Sistemi di rotazione
Supporti
Caratteristiche tecniche
Resistenza agli agenti chimici
Normative
Simbologia
Soluzioni di montaggio
Ricerca del Prodotto
 
AVO | Via XX Settembre, 107 | 28883 Gravellona Toce (VB) ITALIA | T. +39 0323 869911 | F. +39 0323 865530 | E. info@avo.it
  Privacy - P.IVA: 00582300034 ©2018 Aldo Valsecchi S.p.a.